Punti di forza - Esempi per il Colloquio e Curriculum

Autore: Alessia De Leonardis

I punti di forza sono capacità e caratteristiche che una persona possiede, in grado di esaltare l'attitudine a svolgere un determinato tipo di lavoro. Si tratta di qualità che completano un profilo e possono essere definite come parametri per prevedere se il candidato si adatterà o meno alle esigenze dell'azienda. Sono queste abilità che consentono al candidato di distinguersi dagli altri e di dimostrare il proprio valore aggiunto.



colloquio
Punti di forza: per CV e come risposta al colloquio

La domanda su quali siano i tuoi principali punti di forza non dovrebbe essere presa alla leggera, per quanto innocua possa sembrare. Chi risponde dovrebbe evitare di mostrare arroganza, ma nemmeno eccessiva umiltà. Risultare troppo umile e svendere i tuoi risultati e capacità porterà il responsabile delle risorse umane a pensare che tu non sia abbastanza competente. Vendere troppo te stesso, d'altra parte, può facilmente farti apparire egoista e potenzialmente incapace di lavorare bene in una squadra.


Dove inserire i punti di forza nel proprio Curriculum Vitae?

L'area ideale in cui inserire le qualità personali sul proprio curriculum vitae è la sezione competenze. Fai un breve elenco che comprenda almeno sette punti di forza che ti contraddistinguono, comprese hard e soft skills. Elenca solo le caratteristiche rilevanti per il lavoro, inserendo un breve commento che vada ad avvalorare la tua qualità con un esempio reale. È durante la fase di colloquio, quando il reclutatore chiederà informazioni sul tuo curriculum vitae, sulla tua situazione lavorativa e sul perché ti sei candidato per questa posizione, che ti verrà chiesto di esporle in modo più dettagliato.


Perché il reclutatore chiede di elencare i tuoi punti di forza?

Chiedere quali sono i tuoi punti di forza è un invito aperto a parlare delle tue capacità, dei tuoi risultati e a mostrare come il tuo profilo corrisponda ai valori e ai requisiti che l'azienda sta ricercando.

La domanda sui punti di forza in un colloquio non si riferisce al candidato come individuo, ma al suo precedente lavoro o esperienza accademica. L'obiettivo del responsabile delle Risorse Umane è capire se il candidato è in grado di imparare dai suoi errori, se è capace di avere una visione positiva e se è in grado di interpretare un problema come un'opportunità per migliorare.


Come prepararsi alla domanda "quali sono i tuoi punti di forza?"

Quando i reclutatori ti chiedono di menzionare i tuoi punti di forza durante un colloquio di lavoro, la cosa migliore da fare è avere la risposta pronta. A tu per tu con l'intervistatore, ogni risposta pesa sulle tue possibilità di ottenere il lavoro. Per questo motivo, più sei preparato, più ti sentirai sicuro e fiducioso nel rispondere alle sue domande.

Prepararsi a parlare dei tuoi punti di forza in un colloquio è estremamente importante. Di seguito troverai le chiavi per farlo correttamente e in modo pertinente, così da avere un valido supporto per ottenere la posizione che desideri.


Identifica i tuoi principali punti di forza

Quando ti siedi di fronte all'intervistatore, dovresti tenere a mente un elenco dei tuoi principali punti di forza, nonché esempi concreti per sostenerli. Ricorda che senza un risultato specifico che illustri queste abilità, convincere l'organizzazione che tu le possieda non sarà così facile. Dopo aver preparato l'elenco dei punti di forza per un colloquio, è necessario selezionarne due o tre che vadano ad allinearsi maggiormente con ciò che l'azienda ricerca.


Collega i tuoi punti di forza ai requisiti del lavoro

Abbiamo tutti dei punti di forza o qualità, quindi li selezioneremo in base alla posizione, proprio come quando scriviamo le competenze in un curriculum vitae scegliamo quelle che ci danno un valore aggiunto. Tieni presente che le stesse virtù possono essere ricercate da un'azienda e non da un'altra. Devi adattarti e sapere quali sono i valori dell'azienda, le competenze e le abilità che pensi ti aiuteranno a ottenere la posizione in quel colloquio di lavoro.


Sostieni i tuoi punti di forza con esempi concreti

Non è sufficiente affermare di "essere orientato ai dettagli" e di "lavorare sodo", o limitarsi ad elencare i tuoi punti di forza. È necessario citare un esempio in cui queste abilità ti sono risultate utili in passato. Dire che sei un buon manager, ad esempio, non significa nulla se non hai una buona storia da raccontare su situazioni accadute durante la tua esperienza lavorativa pregressa.

Il consiglio è di raccontare un evento che illustri bene la tua esperienza e capacità di risolvere i problemi. Non deve essere una narrazione lunga e dettagliata. A volte un breve episodio, o una soluzione semplice, ti consentono di mostrare al meglio le tue capacità.


Come rispondere alla domanda "Elenca i tuoi punti di forza"? - Esempi

Quando ci chiedono di elencare i nostri punti di forza sprofondiamo in una grande riflessione su quali aggettivi potrebbero essere considerati negativi in fase di selezione. In un colloquio questa domanda si riferisce a punti di forza inerenti al ruolo per cui ti proponi, non alla tua personalità in generale.

Idealmente, la risposta dovrebbe riflettere le aspettative e le esigenze dell'azienda per la posizione in questione. Questo significa che non esiste una risposta perfetta, ma essa cambia a seconda della mansione, del team e degli ideali dell'organizzazione.


Esempio di come esporre i punti di forza in un colloquio di lavoro

Quando arriverà il momento di rispondere a questa domanda, dovrai essere molto specifico. Vediamo due possibili esempi di risposte che possono mettere in evidenza i punti di forza durante il colloquio di lavoro:


Esempio 1:
Puntualità e gestione del tempo

"Ritengo di essere una persona molto puntuale. Mi rendo conto che affinché qualsiasi posto di lavoro funzioni come dovrebbe, tutti i dipendenti devono presentarsi al lavoro in tempo e completare i loro progetti entro la data di scadenza. Inoltre, tendo ad utilizzare un software specifico per tenere traccia e gestire tutte le scadenze dei progetti in cui sono coinvolto."

La puntualità è da sempre uno dei punti di forza più apprezzati sul lavoro: un dipendente puntuale trasmette sicurezza e fiducia all’azienda e ai suoi colleghi, senza dimenticare il rispetto che dimostra nei confronti del tempo degli altri. Le persone organizzate suddividono i progetti e utilizzano to do list per assicurarsi di completare il lavoro entro le scadenze stabilite.


Esempio 2:
Capacità comunicative e di vendita

"Credo che i miei punti di forza siano le mie capacità comunicative e di vendita. Sono in grado di entrare in empatia con chi ho di fronte in modo naturale, e questo mi agevola nel proporre prodotti e servizi al cliente e nel far concludere l'acquisto. Nel corso di questi cinque anni di esperienza lavorativa nel settore commerciale mi sono stati assegnati dei bonus per aver superato i miei obiettivi di vendita."

I dipendenti hanno bisogno di abilità specifiche per il ruolo per svolgere le proprie mansioni lavorative. Ma coloro che di solito si distinguono per le prestazioni elevate sono in possesso di alcune qualità aggiuntive, come la capacità di comunicare chiaramente e la capacità di lavorare bene con gli altri. È qui che entra in gioco il valore aggiunto: ciò che distingue il professionista dagli altri. Non si tratta solo di soddisfare i requisiti per il lavoro, ovvero, avere le capacità di vendita, ma di possedere delle abilità che ti rendono perfetto per quella posizione, ovvero le capacità comunicative e l'empatia.



TAGS: Colloquio



Post Utili:

Altre informzioni sul mondo del Lavoro le trovate nel Blog di Curriculum Vitae, con molte notizie, guide su come compilare il CV e molti esempi di Curriculum gia compilati.